Home » Gli Editoriali » Gli italiani creduloni: oggi abbiamo meno sicurezza e più tasse per tutti

Gli italiani creduloni: oggi abbiamo meno sicurezza e più tasse per tutti

Gli italiani creduloni: oggi abbiamo meno sicurezza e più tasse per tutti - Daniele Bondi Writer
Perché continuiamo ad andare a votare se chiunque governi non riesce a mantenere una sola promessa elettorale?
Se un marziano venisse sulla terra e capitasse in Italia, non crederebbe affatto che il genere umano sia una specie intelligente. Se vedesse che alcuni politici guidano la campagna elettorale per conquistare le poltrone a furia di slogan del tipo: "Meno tasse per tutti" o "Città più sicure" e che l'82% crederebbe all'uno o all'altro dei contendenti al punto da rinunciare a una gita a fuori porta per andare a votare proprio quei signori della menzogna, beh, se ne andrebbe alla ricerca di un pianeta popolato da gente più sagace. Magari non perfetta, ma almeno in grado di imparare dai propri errori.
Lo confesso, anch'io ho sempre votato alle elezioni. Non mi sono mai tirato indietro, rispetto al mio "dovere civico". E quindi anch'io sono fra coloro che è stato preso per il culo dai politici.
Non voglio neanche andare a ripescare la campagna elettorale del primo o secondo governo Berlusconi. Mi basta quella del terzo (che è poi è il quarto). Ricordate il caso Reggiani? Il mago della comunicazione - e con lui il suo abile seguace, Gianni Alemanno - riuscì a far passare l'idea secondo cui tutta la colpa era di Veltroni. Un sindaco che non riusciva a impedire uno stupro in una città come Roma era da bocciare per sempre. Peccato che dal giorno in cui Alemanno si è insediato al Campidoglio sia un continuo stilicidio di delitti, stupri e violenze senza precedenti. Credo che ce ne siano stati di più in questi pochi mesi di geverno romano della destra che in tutti i 7 anni in cui Veltroni ne è stato il sindaco.
E' una vergogna talmente grande che solo per questa ragione se ne dovrebbero andare tutti a casa. Hanno aggiunto 3.000 soldati e cosa è successo? La situazione si è aggravata.
Inoltre veniamo a sapere dei tagli alle forze dell'ordine. Queste non hanno più i soldi per la benzina e per la manutenzione delle loro auto! 500 auto solo per Roma e Napoli si trovano inutilizzate nei garage!
Io Governo e il sindaco di Roma dovrebbero dimettersi e chiedere scusa.
O almeno gli italiani dovrebbero svegliarsi e preparare i pomodori da scagliare sulle loro facce di plastica.
A quando un risveglio culturale degli italiani? A quando un Nuovo Rinascimento? Ah, già, Berlusconi governa anche il monopolio della cultura, quindi queste domande sono destinate a rimanere senza risposta.
Intanto però gli stupri aumentano e la sola soluzione prospettata sul campo è quella di castrare i violentatori. Ma a cosa servirebbe, dato che verrebbe effettuata sempre e comunque "dopo" che il crimine è avvenuto? A non far ripetere lo stesso crimine da parte degli stessi stupratori. OK, già qualcosa, ragioniamone.
Ma per favore preoccupiamoci dell'esistente e dotiamo le forze dell'ordine di automobili, benzina, computer e della possibilità di intercettare chiunque.

Daniele è anche su Facebook

Accesso alla pagina Facebook