Home » Gli Editoriali » Il trionfo leghista

Il trionfo leghista

Il trionfo leghista - Daniele Bondi Writer

Dalle approfondite analisi del voto pare che la vera vincitrice delle ultime elezioni sia soltanto la Lega di Bossi e che il Cavaliere si sia più che altro avvantaggiato della sua alleanza storica col senatur. Un successo davvero strepitoso che in molte aree del Nord ha raggiunto le stesse percentuali che il PD continua a mantenere in Emilia, Toscana, Marche e Umbria. Un successo che deriva da un radicamento effettivo nel territorio, da un tam-tam porta a porta effettuato dai militanti, da un'ideologia smaccatamente localistica, da un programma fatto di sentimenti forti e di messaggi chiari: la paura dell'extracomunitario, la necessità di una svolta in tema di sicurezza, la difesa a oltranza di Malpensa, la non più rinviabile riforma in senso federale dello Stato. Tutti temi rispetto ai quali la sinistra storica è rimasta al palo: ha avuto le sue occasioni per governare ma non le ha sapute sfruttare, perdendosi in litigi (ai più apparsi) futili e in una coltivazione ostinata della tematica classista che ormai non interessa più nessuno, nemmeno i precari.

In questi giorni gli esponenti della Lega hanno rivelato la loro ricetta: vicinanza al popolo del Nord, set-in davanti a Malpensa, ingresso nelle fabbriche e tanta forza a quelle 3-4 idee che hanno il vantaggio di essere chiare: sicurezza, federalismo e importanza dell'aeroporto lombardo sono fattori di una comprensibilità elementare, alla portata di tutti e soprattutto specifici, distinguibili, memorizzabili, perché vissuti da tutti i cittadini più o meno direttamente. Complimneti, Lega: è così che si deve far politica. E gli altri imparino la lezione.

Daniele รจ anche su Facebook

Accesso alla pagina Facebook