Home » Gli Editoriali » L'Europa finalmente!

L'Europa finalmente!

L'Europa finalmente! - Daniele Bondi Writer

Commentiamo brevemente l'articolo del "The Times" di cui forniamo anche parziale traduzione

Interessante leggere l'articolo di "The Times" apparso stamane sul relativo sito. Stando ad esso, Francia a Germania avrebbero adottato un piano nello stile di Gordon Brown e gli altri 13 Paesi dell'area Euro si sarebbero adeguati. Ne derivano due considerazioni sul sempiterno nazionalismo campanilistico: anzitutto sembra che senza la spinta di Downing Street non sarebbe stato possibile rimediare alla catastrofe finanziaria. In secondo luogo l'Italia è solo uno dei 13 che si adeguano ai leader europei Sarkozy-Merkel. Eppure ci sono due eppure: 1) Eppure io credo che Francia e Germania avrebbero comunque proceduto senza bisogno di un leader maximo individuabile in Gordon Brown. 2) Eppure nei nostri TG sembra che Berlusconi sia uno dei grandi (si fa per dire) della terra.

Ora vedo che i mercati rimbalzano e in modo deciso: Non ci resta che stare a vedere se queste misure salveranno davvero il capitalismo. Però è davvero paradossale, mi si consenta, che il capitalismo e il liberismo selvaggio, vengano salvati da un maggiore statalismo. Da un maggiore interventismo dei governi nell'economia.
Qualcuno nei giorni scorsi ha agitato il fantasma di Karl Marx: sarebbe davvero curioso che il filosofo del XIX secolo resuscitasse e vincesse la sua battaglia profetica quando ormai chiunque sul pianeta, anche e soprattutto da sinistra, lo dava per morto e sepolto non solo in termini biologici ma anche ideali.
Ma una domanda mi sorge spontanea: se i governi acquistano le banche, con quali soldi lo fanno? Con quelli delle tasse dei cittadini, giusto? Bene, allora vuol dire che i cittadini diventano i proprietari del sistema capitalistico e quindi dei mezzi di produzione! Possibile che la profezia di Marx diventi realtà?
Ai posteri l'ardua sentenza.

Ecco l'articolo del The Times


Francia a Germania hanno concordato ieri notte un piano nello stile britannico per impedire la catastrofe finanziaria spendendo miliardi di euro al fine di garantire prestiti e la sopravvivenza delle banche più importanti.
Dopo un briefing di Gordon Brown all'Eliseo, Sarkozy e Merkel hanno raggiunto un accordo con gli altri 13 membri dell'area Euro per ricapitalizzare le banche e garantire i prestiti fra le stesse. "Questo piano ha bisogno di misure concrete e di unità: questo è ciò che abbiamo oggi" ha dichiarato il presidente francese aggiungendo che "questo piano affronta tutto gli aspetti della crisi finanziaria."
Segue in inglese:




His comments followed a weekend of transatlantic action to relaunch confidence in a financial system that came close to a standstill last Friday.

The leaders, who spent three hours thrashing out details of their package, are to announce the size of their promised bailout today. Some leaders, including Yves Leterme of Belgium, wanted a figure attached to the package before markets opened in Asia last night, but Mr Sarkozy insisted that another 24 hours was needed for governments to organise their actions.

[an error occurred while processing this directive]

“What we need now is for each country to fix the sum that it wants to put aside. This should happen by Wednesday,” Didier Reynders, the Belgian Finance Minister, said. EU leaders are expected to endorse the package in Brussels on Wednesday.

The agreement stops well short of a central EU rescue fund that was floated by France ten days ago. but the accord on broad pan-European guarantees marks a shift from Germany’s insistence a week ago that each nation should take care of its own crisis.

“People have come a long way to reach this accord,” said Mr Sarkozy. “The crisis has over the past days entered into a phase that makes it intolerable to opt for procrastination and a go-it-alone approach.” The leaders pledged to help or directly subscribe to debt-raising by banks for periods of up to five years to complement efforts by the European Central Bank to unfreeze interbank lending markets.

Mrs Merkel said the deal would send a signal to panic-stricken markets but should not be seen as a blank cheque. “The capital that we are providing to banks comes with conditions, because taxpayers have the right to expect that if they are contributing to the stability of the financial system that this will be honoured,” she said.

“Tomorrow Germany will get to grips with its package of measures. We will do this together with France.”

The French President, whose country holds the rotating chairmanship of the European Union, called the pact an historic bridge between the European and the “Anglo-Saxon” system. “We had no difficulty in agreeing with Britain. It was historic to invite the British Prime Minister to a session of the eurozone,” he said.

Mr Sarkozy said he hoped that the rest of the 27-member union would sign up to the measures in Brussels. He also hopes to persuade the United States to agree to an international summit to draw up a new framework for the world financial system, he said.

Mr Brown said that he believed that “in the next few days confidence in the banking system will be restored”. He added: “This is an important moment for the world economy. The decisions we take over the next few days will affect us for the years ahead.”

Daniele รจ anche su Facebook

Accesso alla pagina Facebook