Home » Gli Editoriali » L'Italia nel suo eterno impasse

L'Italia nel suo eterno impasse

L'Italia nel suo eterno impasse - Daniele Bondi Writer
Dopo il voto di fiducia di ieri, 29 settembre 2010, ci troviamo in una situazione che più paradossale non potrebbe essere.
Il Governo ha ottenuto la fiducia, ma il conteggio dice che i finiani sono decisivi e possono staccare la spina quando vogliono. Ne cosengue che ci troviamo ina situazione talmente paradossale che definirei irrisolvibile.
a) Visto il voto di fiducia, il Governo deve andare avanti. Ma si sa che su diversi temi, la giustizia in primo luogo, non potrà farcela perchè i finiani (o futuristi come vogliono farsi chiamare) non accetteranno leggi ad personam volte a salvare il Premier dai suoi processi.
b) Poiché il Governo non ce la farà, bisognerà andare alle urne.
c) Andare alle urne richiederebbe la modifica della legge elettorale "porcata" scritta da Calderoli & C.
d) Ma è impossibile che si trovi in Parlamento una maggioranza in grado di modificare la legge elettorale.
e) Data questa impossibilità, si andrà alle elezioni con il "porcellum"
f) Andando alle elezioni con il "porcellum" in una situazione in cui il Governo ha fallito e le opposizioni non sono in grado di esprimere una leadership e un programma credibile e forte, finirà che non vincerà nessuno.
g) Non vincendo nessuno, si formerà un Parlamento in cui nessuna maggioranza potrà costituirsi.
h) Quindi si tornerà a votare...
Questa è l'Italia di oggi. L'eterna malata degli 8.000 Comuni, dei centomila villaggi, della coltivazione del piccolo orticello davanti a casa. E' orribile essere pessimisti, ma davvero non riesco a vedere come se ne possa uscire. La malattia dell'Italia è infatti cronica, endemica, caratterizzante, essenziale. Nessun medico è in grado di guarirla.
A meno che non parta una rivoluzione dal basso. Dalla società civile.
Ma anche in questo caso la vedo dura. Per la semplice ragione che quella malattia riguarda tutti noi italiani, nessuno escluso e non vedo come anche uno solo di noi ne possa guarire.

Daniele รจ anche su Facebook

Accesso alla pagina Facebook