Home » Gli Editoriali » Venti di Guerra?

Venti di Guerra?

Venti di Guerra? - Daniele Bondi Writer
Temo che Giulietto Chiesa abbia ragione. L'economia americana mostra qualche buco nero e il grande stratega G.W.Bush decide di rimescolare le carte del mondo progettando un attacco in Iran e uno scudo spaziale in Polonia e Repubblica Ceca. Poiché ad azione corrisponde reazione, ecco allora lo zar Vladimir Putin, sempre più ricco per la crescente richiesta mondiale delle sue preziossime materie prime, dichiarare che è stato avviato un programma di riarmo senza precedenti. Poi c'è la silenziosa Cina di Hu Jintao che, senza il clamore delle altre due potenze, e anch'essa in fase di arricchimento economico, si dirige nella stessa, pazzesca direzione. Lo spettro della Terza Guerra Mondiale evocato da Bush qualche giorno fa ha la sua causa nella prima gallina che ha fatto l'uovo. Ricordo con nostalgia i tempi di Clinton che, con grande pazienza, si adoperava per mettere a sedere dinanzi a un tavolo Arafat e Rabin: le loro posizioni erano lontane, ma con un continuo e serrato dialogo si erano avvicinate tremendamente. Al punto che Rabin fu ucciso dai suoi e anche sulla morte di Arafat non mi sembra sia stata fatta una gran luce. Se Bush fosse un pacifista, chiederebbe di incontrare Ahmadinejad, Putin, Hu Jintao e tesserebbe una tela di dialogo fino al raggiungimento di un punto di incontro. Ma si guarda bene dal compiere azioni simili che lo farebbero ricordare dai posteri - sempre se ce ne saranno -  come un bell'esempio di Presidente americano. Purtroppo il mondo non riuscirà a togliersi dai piedi il più disgraziato, guerrafondaio e folle capo della Casa Bianca - che ha vinto entrambe le sue elezioni in modo molto dubbio - se non fra un anno. Bisogna solo pregare che non scateni la guerra in Iran e costruisca i suoi scudi spaziali anti-Russia prima di cessare il suo ignobile mandato. Viva la legge americana del limite massimo di due mandati! Ma dobbiamo anche pregare che il successore del cow-boy abbandoni le strategie belliche e torni sulle orme di Clinton. Se si tratterà della prima donna o del primo uomo di colore ad essere eletto al vertice del Paese a stelle e strisce, il miracolo potrebbe anche avverarsi... (d.b.)

Daniele รจ anche su Facebook

Accesso alla pagina Facebook